Gli smartphone sono sempre più veloci ma con un overclock lo puoi spingere al limite. Con qualche piccola modifica software, un estintore a portata di mano e tante preghiere , ci potrai far partire uno space shuttle.

Hai tra tra le mani uno strumento di calcolo estremamente potente e versatile, solo qualche decennio fa per ottenere la stessa potenza avresti dovuto occupare un intero appartamento. Tutto questo questo non ti basta e pretendi prestazioni estreme, magari sfruttando al massimo l’hardware che i cinesi hanno realizzato con estrema cura. Nonostante siano stati stabiliti dei limiti in fase di progettazione al fine di preservare l’elettronica del dispositivo scegli comunque di sfidare la fortuna ed eseguire un overclock. Bene, ti spiegheremo come fare ad andare oltre questi limiti e ovviamente lo farai a tuo rischio.

Overclock princìpi generali

Ogni processore è progettato per eseguire un certo numero di operazioni ad una frequenza prestabilita misurata in GHz. Aumentando la frequenza delle operazioni per secondo aumenta anche la velocità generale del software. Liberare la potenza del processore vuol dire anche andare superare i limiti fisici , ed è così che si ha un dispositivo veloce ma per raffreddare il processore ci vuole un impianto di raffreddamento al pari di un centro siderurgico. La temperatura della CPU è fondamentale e anche per un utilizzo “di fabbrica” si presta molta cura per questo aspetto, il raffreddamento del Samsung Galaxy S7 edg è particolarmente interessante.

vantaggi, svantaggi di un overclok

Se da un lato potrebbe essere interessante vedere i risultati di un intervento così radicale dall’altro è un rischio che potrebbe compromettere il corretto funzionamento dello smartphone. L’aumento eccessivo della temperatura, precedentemente analizzato, è soltanto il risultato dato dal sovrasfruttamento della microelettronica che è sapientemente sfruttata entro certi limiti di sicurezza. Infatti quasi certamente si avrà instabilità e un eccessivo consumo della batteria tanto da dover richiedere l’allaccio elettrico alla rete nazionale. Nei casi più estremi potrebbe anche esplodere. Durante la procedura consigliamo l’utilizzo di occhiali protettivi, molta prudenza e delle forbici dalla punta arrotondata ( non possono mai mancare!).

Come procedere all’overclock

Queste operazioni , richiedendo dei permessi speciali di root, potrebbero creare dei seri danni al vostro smartphone. Non ci riterremo responsabili di eventuali danni e consigliamo di non andare oltre se non si volessero correre rischi.

  • Il primo passo consiste nell’ottenere i permessi di root, esistono vari metodi ma consigliamo di installare
    Towelroot e seguire le istruzioni
  • Installare una Custom recovery ad esempio ROM Manager
  • Installare l’applicazione per la gestione della cpu. Ne esistono tante ad esempio No-frills CPU Control

Giocando sui valori di Frequenza massima e Frequenza minima si aumentano le prestazioni di elaborazione con un costo previsto che equivale ad un maggior consumo di batteria. Volendo si può fare anche l’underclock e la batteria avrà una durata maggiore.

 

Avvertenze

Non eseguite un overclok se non sapete esattamente quali sono i rischi e i limiti. Nel video mostriamo un semplice esempio , realizzato con una ram, di quello che potrebbe succedere. Pertanto non ci assumiamo nessuna responsabilità rispetto ai danni che questa guida potrebbe comportare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *