Oggi parliamo di HDR (High dynamic Range). Si tratta di una particolare tecnica fotografica, che mi affascina da molto tempo, con la quale si possono ottenere effetti molto interessanti e netti miglioramenti nelle foto. In breve si tratta della fusione di 2 o più scatti (generalmente 3) realizzati con differenti esposizioni.

Ciò permette di avere un profondo controllo dell’illuminazione della scena. In generale è una tecnica che ben si presta in casi di scene molto contrastate. Pensate a quante volte avete scattato una foto al tramonto, per esempio. Il risultato, in generale, avrà reso un cielo vivido e colorato, nella parte alta della vostra inquadratura, e nella parte bassa il mare (o la sabbia/terreno) molto scura (sottoesposta). Per ottenere una immagine più bilanciata possiamo operare proprio tramite HDR.

Lavorando sull’esposizione, avremo la possibilità di mettere in risalto le varie zone differentemente illuminate del nostro panorama. Alzandola, per un nuovo scatto, infatti, riusciremo a distinguere i dettagli della parte bassa e scura della prima foto di cui abbiamo parlato, con ovvia sovraesposizione del cielo, che risulterà poco definito e troppo acceso. L’ultima foto sarà realizzata abbassando l’esposizione iniziale, per evidenziare lo spettro cromatico del tramonto, perdendo tutto il resto. Cosa facciamo adesso con le nostre 3 foto? Beh, esistono software (uno su tutti: Photoshop) che le combinano dando vita ad uno scatto che riuscirà ad avere una corretta esposizione di tutti gli elementi, con un risultato molto bello. Come quello qui sotto o quello del titolo, un po’ più artistico…

Esempio
Esempio

Questi sono esempi tratti dalla rete, prodotti da professionisti, ovviamente. La tecnica dell’HDR sembra semplice, sulla carta, ma serve un po’ di pratica per ottenere dei risultati apprezzabili. Non scoraggiatevi se non riuscirete a produrre un’opera d’arte nei primi tentativi.

Ho dato questa infarinatura di tecnica fotografica per arrivare direttamente alle applicazioni che vi segnalo oggi:

Queste applicazioni permettono di scattare le 3 immagini canoniche ad esposizioni differenti e di fonderle in pochissimi, semplici passaggi. Le impostazioni sono piuttosto scarne, potrete esplorarle in brevissimo tempo e con pochissimi passaggi, e gli automatismi molto potenti. Specifico che non è garantito un risultato professionale, ma qualche piccola soddisfazione si può ottenere. E’ importante ricordare di rimanere fermi il più possibile durante gli scatti e controllare che la fotocamera del proprio smartphone abbia la possibilità di regolare l’esposizione, altrimenti capite bene che è una fatica vana. Spero di avervi incuriosito con questo articolo e che molti si divertano a sperimentare un po’ in ambito fotografico.

P.S. L’iPhone ha la possibilità di scattare foto in HDR di default.

Qui sotto potete dare un’occhiata alle schermate di impostazioni delle applicazioni.

Impostazioni HDR Camera & Pro HDR Camera
Impostazioni HDR Camera & Pro HDR Camera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *