E’ proprio il caso di dire che la “rivoluzione” degli smartphone 4G continua, ed è proprio “LG Revolution” il nome che LG ha dato al suo nuovo smartphone 4G, il primo smartphone di LG compatibile con la rete di quarta generazione Long Term Evolution. L’aspetto esteriore del nuovo LG presenta linee arrotondate sui bordi, per aumentare il comfort nella presa, esibisce un display multitouch capacitivo da 4.3 pollici capace di visualizzare fino a 16 milioni di colori, con una risoluzione di 480 x 800 pixel. Le dimensioni sono “importanti”, ma d’altronde è un terminale che presenta una rilevante qualità.

Due sono le fotocamere, VGA frontale da 1.3 megapixel per le videochiamate e quella integrata da 5 megapixel equipaggiata di Led flash, zoom digitale, autofocus e funzioni per il videorecording, anche in HD a 720p. E’ anche dotato di un lettore multimediale, in modo tale da portare sempre con sè la musica ed i filmati preferiti, anche in formato DivX. E per gli “incontentabili” è previsto lo streaming video via Netflix. E tutto questo potrà essere riprodotto all’esterno attraverso l’uscita HDMI.

La compatibilità con le reti 4G, comporta una connettività off limits: il nuovo terminale supporta anche le reti dati ad alta velocità CDMA, e inoltre dotato di connettività Wi-Fi, porta HDMA, Bluetooth 3.0, supporto DLNA, A-GPS integrato, ingresso jack da 3,5 mm per le cuffie, memoria interna da 16 GB espandibile tramite micro SD/micro SDHC, fino a un massimo di 32 GB.

LG Revolution funziona anche da Hotspot fino ad otto dispositivi. Il sistema operativo è Android 2.2 Froyo, ed il modello dovrebbe essere dotato di un processore  Qualcomm Snapdragon a 1 GHz. E’ possibile scaricare dalla rete nuovi sofware Open Source, per personalizzare il proprio LG. Per quanto riguarda l’aspetto vocale, il nuovo dispositivo offre vivavoce, voice recorder e supporto alla videochiamata.

Il nuovo smartphone LG dovrebbe comunque fare il debutto negli Stati Uniti tra maggio e giugno, con l’operatore di telefonia Verizon Wireless. Il prezzo non è stato ancora comunicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *