I giapponesi non smettono di realizzare invenzioni particolari e tecnologiche. La novità si chiama NoPoPo, una batteria in grado di ricaricarsi con l’inserimento di un liquido al suo interno. Sembra che sia possibile utilizzare anche dell’urina. Sicuramente questa è un invenzione utile e potrebbe trovare diverse applicazioni, dalle più quotidiane come ricaricare la batteria del cellulare a quelle di emergenza come situzioni di guerra.

La batteria è disponibile in formato AA e AAA e una volta esaurita è possibile ricaricarla con una pipetta. I liquidi utilizzabili sono diversi e si va dalle bevande dolci, all’acqua e sembrerebbe anche l’urina! Questi accumulatori garantiscono la carica per almeno 10 anni ma come è facilmente intuibile possono essere caricate per un numero limitato di volte anche perchè gli elementi chimici contenuti al suo interno sono soggetti ad esaurirsi.

Come funziona?
Sono composte da una miscela di magnesio e carbonio che reagisce a contatto con un liquido e riesce a produrre 500 mAh (nella AA) di corrente. Anche se i risultati sono lontani dalle pile alcaline che producono energia compresa tra i 1700 i 3000 mAh è comunque un ottima scoperta che potrebbe trovare interessanti applicazioni in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *