Bit9  ha evidenziato i più vulnerabili e popolari smartphone in uso oggi. I dispositivi hanno problemi legati alla privacy e comportano un grosso rischio per consumatori e imprese. La gran parte dei telefoni hanno Android e molti di essi non si collegano alla rete per effettuare dei regolari aggiornamenti. Questo dato non dovrebbe sorprenderci visto che android è un software libero e che quindi è molto più facile, per i malintenzionati, trovare delle vulnerabilità. Un altro punto a favore di chi produce virus è la sua sempre crescente diffusione che permette quindi di raggiungere più facilmente il suo obiettivo.

Tuttavia il software open source ha anche il grande vantaggio di avere un elevato numero di programmatori che lavorano per lo scopo opposto, cioè rendere più sicuro il software. Gli aggiornamenti , quindi, se fatti con regolarità garantiscono un certo grado di sicurezza. Lo studio ha permesso di stabilire che produttori di smartphone come Samsung, HTC, Motorola e LG spesso lanciano sul mercato nuovi telefoni con software obsoleti e il consumatore non si preoccupa ad aggiornarlo alle versioni più recenti e sicure di Android. In altri casi, il produttore non si preoccupa di fornire gli aggiornamenti per vecchi modelli lasciando i vecchi clienti con software obsoleti e insicuri.

L’elenco dei 12 cellulari meno sicuri comprende:

1. Samsung Galaxy Mini
2. HTC Desire
3. Sony Ericsson Xperia X10
4. Sanyo Zio
5. HTC Wildfire
6. Samsung Epic 4G
7. LG Optimus S
8. Samsung Galaxy S
9. Motorola Droid X
10. LG Optimus One
11. Motorola Droid 2
12. HTC Evo 4G

Ecco il pdf del rapporto approfondito.

Android ha ufficialmente il primato per i nuovi malware dei cellulari

Secondo McAfee ha la leadership incontrastata sui nuovi malware presenti. La quantità di malware mirati ai dispositivi Android arrivano quasi al 37 per cento dallo scorso trimestre 2011 e si mette sulla buona strada per essere il più importante traffico nella storia di malware mobile in generale.

Come abbiamo precedentemente spiegato gli ideatori di malware stanno puntanto tutti su android e questo viene evidenziato anche nel grafico visto che è l’unico sistema operativo mobile con malware in Q3. Una delle forme più popolari di inganno in Q3 è l’invio di SMS-Trojan che raccolgono dati personali e permettono di rubare denaro. Un altro metodo nuovo per rubare informazioni agli utenti sono malware che registrano conversazioni telefonice e le inoltrano all’ attaccante.

 

Ormai i cellulari non sono poi più tanto sicuri non tanto perchè sono presenti più vulnerabilità quanto per il maggiore investimento di risorse da parte dei malintenzionati nella ricerca di nuovi bug. Per la propria sicurezza valgono sempre le solite regole quindi prestate massima attenzione a tutte le applicazioni che installate, i siti che visitate o semplicemente lo scambio di file attraverso bluetooth, aggiornate quotidianamente il vostro smartphone e, se lo ritenete necessario installate un antivirus per cellulare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *