Da qualche mese ho iniziato ad utilizzare gli eBooks. Il fascino della carta stampata rimane inalterato, ma va detto che questi nuovi libri, in formato digitale, hanno parecchi lati positivi che li rendono fruibili anche in condizioni di estrema scomodità. Preso atto della tecnologia che avanza, ho iniziato a procurarmi qualche romanzo da leggere sull’iPod. Tutti conoscerete sicuramente l’eBook reader ufficiale di Apple: iBooks; oggi, però, non parlerò di questa app, ma di Stanza. Il motivo è uno e semplice, la personalizzazione. Nonostante l’aggiornamento di questi ultimi giorni, iBooks rimane davvero ridotto all’osso in quanto ad impostazioni. Stanza, invece, offre un set di strumenti che permettono di modificare il layout e l’aspetto grafico delle nostre letture in modo molto profondo. Il lato negativo, rispetto al pupillo della mela morsicata, è un’interfaccia graficamente meno curata.

Stanza – Funzioni dell’applicazione

Screenshots
Screenshots

Entriamo nel dettaglio dell’applicazione. In homepage abbiamo la nostra libreria, con la lista dei volumi inseriti nel dispositivo e i comandi di controllo, in alto e in basso. Con i tasti di selezione nella parte superiore dello schermo possiamo navigare nella lista dei nostri libri secondo titoli, autori o gruppi; e, tramite il tasto in fondo alla riga, modificare gli elenchi, eliminando i titoli che non ci servono più.
Attraverso la barra dei menù in basso, invece, si può accedere allo store, tornare all’ultima pagina letta e ottenere informazioni sull’app. Ma le impostazioni non si esauriscono qui. Quelle più interessanti ed utili si attivano quando iniziamo la lettura. Infatti una volta caricata la prima pagina del libro prescelto, tappando una volta sul centro dello schermo, si attiva una ulteriore interfaccia di configurazione che dà accesso ad altre scelte, di tipo più utilitaristico.
In alto compare una barra riassuntiva in cui possiamo leggere autore e titolo del libro aperto, con la freccia sull’estrema sinistra si torna alla pagina iniziale. In basso si trovano i tasti di configurazione e lo slide per scorrere rapidamente le pagine. Il primo tasto a disposizione è quello per andare all’indice del libro ed accedere alle annotazioni ed ai segnalibri. Sì, perchè tenendo premuto su una porzione di testo possiamo salvarla come annotazione, invece, tappando leggermente sull’angolo destro della pagina posizioniamo un segnalibro. Il secondo tasto ci permette di entrare nelle configurazioni vere e proprie del programma, che ci consentono di manipolare completamente l’aspetto delle pagine digitali. Si può configurare davvero tutto, dal colore di testo e sfondo, al tipo di carattere da utilizzare.
Le due funzioni che più ho apprezzato sono state la definizione dei bordi, perchè Stanza permette di avere davvero la pagina a “tutto schermo”, se vogliamo possiamo non avere il minimo spazio tra le lettere e la fine del display, e la modalità notturna. In molti casi avere testo bianco/grigio su sfondo nero è molto riposante. Il terzo tasto permette proprio lo switch rapido tra le due modalità di visualizzazione. Poi ci sono i pulsanti per la ricerca rapida nel testo e l’accesso ad altre funzioni minori.

Ormai ho letto più di qualche libro su iPod e, nonostante lo schermo non si possa definire titanico, devo dire che Stanza mi ha servito bene. Soprattutto perchè si può sfruttare davvero fino in fondo la superficie del display. Io consiglio di provarlo, è gratuito e funziona bene. Anche se da quando iOS è approdato alla versione 5 qualche piccolo bug ogni tanto si fa vivo, ma niente di grave.

NOTA: Per aggiungere libri alla collezione non si deve utilizzare la funzione nativa di iTunes, ma si deve passare nella sezione iPod/iPhone, entrare nell’elenco della app e, scorrendo la pagina in basso, utilizzare il file manager dedicato alle singole applicazioni. E’ più lungo da scrivere che da fare, lo garantisco.

Download: Stanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *