Uno degli aspetti più interessanti del sistema operativo di Google è, indubbiamente, la profonda personalizzazione che permette. Dagli sfondi alle app, passando per i widget, si può costruire il telefono che si desidera con poco sforzo. Se poi siete dei “geek” non vi farete mancare di certo le ROM degli sviluppatori underground.

Oggi comunque parliamo delle semplici suonerie. Sul vostro smartphone è possibile associare qualunque file audio ad ogni evento che richieda un avviso. Basta fare attenzione ad alcuni piccoli accorgimenti.

  • Partiamo dal formato dei file: il mio consiglio è di utilizzare mp3 oppure ogg per le vostre suonerie: sono di sicuro i più compatibili con Android.
  • Il passo successivo richiede anche l’uso del PC, ma niente di complicato. Collegate il telefono al computer e dalla tendina delle notifiche scegliete di utilizzarlo come unità di archiviazione di massa (o l’equivalente, alcuni produttori hanno modificato il popup).
  • Da questo punto in poi la scheda di memoria non sarà accessibile al telefono, fino allo scollegamento. Entrate nella memory card (tramite il popup di Windows/Linux/Mac, oppure i rispettivi file manager) e posizionatevi nella directory principale.
  • A questo punto dovrete creare delle cartelle affinchè i file che volete usare per i vostri avvisi sonori siano letti dal sistema. Iniziate col creare una cartella denominata “media” (senza virgolette, ovviamente). Al suo interno bisogna porre altre tre cartelle denominate: “notifications“, “ringtones” e “alarms“.
  • Posizionando le canzoni in queste ultime le avrete poi a disposizione rispettivamente per: notifiche, suonerie e allarmi. Un file di notifica non sarà letto anche nelle altre categorie e viceversa a rotazione, ma basterà replicarlo in caso di necessità.
  • Una volta finito con la copia, disattivate l’archivio di massa, aspettate che il telefono abbia ricaricato la scheda e provate a cercare dalle impostazioni audio gli mp3/ogg copiati. Se non li trovate: niente panico! Probabilmente basta un riavvio per mettere le cose a posto.

Per alcuni il percorso delle cartelle da creare è leggermente differente. Quindi in caso di ulteriori difficoltà provate a creare le tre cartelle di cui vi ho parlato direttamente nella directory principale della memory card e non in “media”. Ora dovrebbe funzionare tutto a dovere. Ricordo anche che per le sole suonerie è possibile selezionare anche una canzone dal lettore musicale del vostro dispositivo e, tenendo tappato sul titolo, imporre ad Android di usarla come tono per le chiamate.

Percorso e Popup
Percorso e Popup

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *